4 giornate di squalifica per Neymar: Copa America finita.


Stangata per Neymar che quando incontra la Colombia non ha molta fortuna.
Mondiali finiti per lui nel 2014 dopo l’intervento quantomeno scomposto di Zuniga ai suoi danni (scintille anche nell’ultima partita con Neymar che ha detto “Poi mi chiami per chiedermi scusa, figlio di p….”) e nel 2015 rischia di finire la Coppa America questa volta a causa di una squalifica.

Neymar Zuniga

Sono 4 le giornate inflitte al talento verdeoro ma la Nazionale brasiliana ha già annunciato il ricorso record. Intanto però la squadra di Dunga deve qualificarsi alla prossima fase nel girone più incerto (ad una partita dal termine tutte le squadre sono a 3 punti).


Il Pallone d’Oro va a… ecco tutti i premiati

Ecco la top 11 secondo la Fifa. Grande escluso Ibrahimovic.
Neuer; Sergio Ramos, Thiago Silva, David Luiz, Lahm; Iniesta, Kroos, Di Maria; Ronaldo, Messi, Robben: ecco la miglior formazione del mondo del 2014.
B7Ks-HpCUAASQhu

Miglior allenatore è il tecnico della Nazionale Campione del Mondo Joachim Loew.
8afbc40a-a1c3-4706-9b5f-7cdad1efb1d4_500

Il Pallone d’Oro va a Cristiano Ronaldo. CR7 ha battuto Messi e Neuer separati di pochissimi voti tra di loro.
Il portoghese ha annunciato subito di puntare al 4° Pallone d’oro (quello di stasera è il 3°) per raggiungere il suo grande rivale Lionel Messi.
8f959196-3d8c-422a-96bf-b1aa4da59371

Italia e Nazionali, Prandelli e Zac si dimettono, Trap alla Costa d’Avorio e Capello?

Una rivoluzione nelle panchine delle Nazionali occupate da allenatori italiani.
Sicuramente un Mondiale non positivo per i 3 CT provenienti dal BelPaese.
Ben 2 hanno già finito l’avventura, Prandelli con l’Italia come tutti sappiamo e Zaccheroni ultimo nel girone con un deludente Giappone. Entrambi hanno già rassegnato le dimissioni alle proprie Federazioni.

Il 3° è Fabio Capello che si giocherà tutto nella partita con l’Algeria. Anche la sua Russia non è apparsa molto brillante, l’unica scusante dalla parte di Capello è che sta preparando una squadra per il Mondiale 2018 che si giocherà proprio in Russia.

Arriva però una buona notizia da una Federazione appena uscita dai Mondiali: la Costa D’Avorio sarà molto probabilmente allenata da Giovanni Trapattoni. Il Trap a 75 anni tornerà in Panchina.
capellotrapattoni_650

Messi vomita e segna. Conati anche al Mondiale contro l’Iran [Video]

Una partita durissima per l’Argentina contro l’Iran risolta da una magia di Messi allo scadere dei 90 minuti.
Ancora una volta la Pulce si è reso protagonista con una magia dopo tanti minuti di niente.

Un’altra cosa solita purtroppo per Messi si è vista, intorno al 15° del primo tempo Lionel Messi ha di nuovo avuto i conati di vomito in campo.
Ancora silenzio su questo misterioso malessere che affligge il campione argentino.

messivomita[

De Rossi verso il forfait contro l’Uruguay

Brutte notizie in dal ritiro azzurro dopo la sconfitta contro il Costarica.
Daniele De Rossi che si è fatto male durante l’ultima partita rischia di saltare la partita contro l’Uruguay a causa di un problema muscolare.

De Rossi Uruguay

Castellacci ha confermato che qualche problema c’è per il centrocampista della Roma che in Nazionale sta svolgendo il prezioso ruolo di mediano.

Il nonno di Van Persie imita il nipote…

Un grande risultato per Wim Ras, 93 anni e nonno di Robin Van Persie.

van-persie-nonno-640

Finora è stato uno dei gol più belli del Mondiale. Una palla che arriva da sinistra, la necessità di non perdere tempo e di cogliere il portiere lontano dalla linea di porta. Venerdì scorso Robin Van Persie con un colpo di testa è riuscito a riportare in parità il match tra Spagna e Olanda e a sorprendere Iker Casillas poco fuori dai pali.

Ma l’attaccante olandese ha fatto altro. Oltre al gol, è stato apprezzato anche il suo atterraggio, un vero e proprio aereo che non guarda la pista, ma il pallone che pian piano entra in porta. Difficile da imitare, sembrerebbe. E invece no, nel salotto di casa siamo tutti bravi a ripetere il gesto di Van Persie. Ci è riuscito addirittura un 93enne, ma non un vecchietto qualsiasi, un ex ginnasta di nome Win Ras, nonché nonno dell’attaccante del Manchester United.

Con l’hashtag #Persieing utilizzato da milioni di persone ha deciso di partecipare alla difficile e particolare competizione, commentando il gol del nipote: “Non è una cosa che sanno fare tutti, ci vuole una coordinazione da ginnasta. Tutto è avvenuto in una frazione di secondo”. E steso sul tappeto di casa, si è fatto fotografare con le braccia allargate.

L’Honduras picchia, Benzema segna. Messi vince ma non convince.

Francia 3 – Honduras 0 e Argentina 2 – Bosnia 1.
Più Benzema che Messi in questa serata Mondiale.

La Francia archivia la pratica Honduras con 2 gol e mezzo di Benzema con una sola preoccupazione: non farsi male sotto i colpi dei giocatori dell’Honduras.
Deschamps a scopo precauzionale toglie Pogba dopo pochi minuti dall’inizio del 2° tempo per evitare che il gioiellino prenda un colpo di troppo.

Qualche rischio in più lo corre l’Argentina contro una Bosnia che si sveglia tardi e viene rimessa in gioco da un Fernandez e un Romero non proprio perfetti.
Inizia malissimo la Bosnia nel suo esordio mondiale con un autogol su calcio d’angolo che porta in vantaggio i Sudamericani al Maracana.

Messi dopo una prestazione deludente regala un lampo al 64° con un’azione da fenomeno e un gol bellissimo che porta l’Argentina sul 2-0. Sul finale la Bosnia accorcia le distanze e crea qualche brivido alla corazzata albiceleste.

Messi

La Svizzera vince al 93°! Clamoroso finale di partita

Fino all’ultimo la Svizzera ci ha creduto e alla fine è riuscita a ribaltare il risultato con una splendida azione partita maestosamente da Behrami.

La partita non si era messa bene per la Svizzera che al 22° ha subito l’1-0 per l’Ecuador con il Valencia meno famoso (Enner).

Lichsteiner e compagni hanno cominciato ad attaccare ma non in maniera estrema. Al 48° il neo entrato Mehmedi ha portato la Svizzera al pareggio e l’altro neo entrato Seferovic ha chiuso definitivamente la partita al 93° a 20 secondi dal fischio finale.

Ecuador Svizzera

Ancora nessun pareggio a questi Mondiali fino ad adesso.

Scende la quota dell’Italia vincitrice al Mondiale dopo la gara con l’Inghilterra

Dopo la vittoria per 2-1 con l’Inghilterra, i bookmakers cominciano a credere nell’Italia Campione del Mondo 2014.
A inizio Mondiale l’Italia vincente finale pagava 23 volte la posta, oggi è scesa a 19 volte la posta.

Al contrario è salita la quota della Spagna dopo la rovinosa sconfitta contro l’Olanda. I Campioni in carica adesso pagano 13 volte la posta.

quote mondiali 2014

Honda illude Zaccheroni poi entra Drogba e cambia tutto

Finisce 2 a 1 tra Costa d’Avorio e Giappone, partita valida per il Gruppo C (con Colombia e Grecia).
Inizia bene il Giappone che passa in vantaggio al 16° con un gol del milanista Keisuke Honda.

La Costa D’Avorio appare disorientata e in attacco manca il punto di riferimento principale, Didier Drogba parte infatti dalla panchina.
Sul finire del 1° tempo inizia a crescere la Costa d’Avorio.

Al 62° la mossa decisiva, entra in campo Didier Drogba e 2 minuti dopo gli africani agguantano il pareggio con Bony.
Neanche il tempo di riorganizzarsi e Gervinho segna il gol del sorpasso.

Drogba e Gervinho

Con l’ingresso del suo giocatore simbolo, la Costa D’Avorio ribalta il risultato in 2 minuti. Il Giappone prova a trovare di nuovo il pareggio ma gli uomini di Zaccheroni non riescono a trovare la zampata giusta.
Ora in classifica ci sono Colombia e Costa d’Avorio in vetta a pari punti e Grecia e Giappone a 0 punti. Nella prossima giornata si incontreranno le due capoliste e le due a 0 punti.